cosa i bambini devono apprendere per passare alle elementari



Avevo scritto un post precedente con nuovi dubbi ma poi per fortuna confrontadomi con voi e anche con le maestre della classe (di cui ho fiducia ma nella classe del gemello con qualche tentennamento) penso di aver risolto qualche pensiero.
Praticamente le maestre mi hanno detto che ora come ora le maestre delle elementari utilizzano un nuovo metodo di apprendimento (prima si cominciava a studiare le singole lettere ora si parte dalle frasi già compiute) quindi è anche controproducente "insegnare" qualcosa se non a seguito di un normale apprendimento dovuto alla curiosità del bambino.
Mi hanno soprattutto detto che le maestre delle materne devono assicurarsi per la completa maturazione del bambino che sia in grado di:

- scrivere il proprio nome
- riconoscere qualche lettera ma non tutte e non precisamente
- che il bambino sia in grado di prestare attenzione (ad un racconto o altro)
- che il bambino sia in grado di iniziare e portare a termine un compito (disegno o altro)

Questo perchè il bambino deve essere maturo per seguire una lezione, per apprendere ed essere in grado di non distrarsi durante la lezione, che sia in grado di "seguire"...ci sono bambini a questa età che hanno problemi  a concentrarsi e a seguire delle indicazioni (mi dicevano di una bambina con un carattere molto forte che non voleva mai seguire le "regole" e compiti indicati dalle maestre e loro sapevano che questa bambina avrebbe avuto problemi almeno iniziali per adeguarsi ai nuovi ritmi scolastici)

Insomma queste sono le regole generali, poi se qualche bambino è più portato nell'apprendere naturalmente nella quotidianità non è un problema ma deve essere una cosa naturale.

Insomma incrociamo le dita e si vedrà.... ci tenevo ad aiutare qualche altra mamma "dubbiosa",

Buona giornata a tutte

Aggiungo questo link "scovato" dopo qualche giorno di navigazione sul blog interessantissimo e in tema con il mio post: http://www.mammaimperfetta.it/2012/10/26/oddio-come-fara/ 

Commenti

  1. :D almeno ti sei schiarita le idee ....
    piu' noi siamo serene nei cambiamenti piu' facile sarà per loro ...

    RispondiElimina
  2. Se può tornare utile io ho scoperto questo:

    https://www.facebook.com/cantaenglish
    e
    https://www.youtube.com/user/Cantaenglish

    Si chiama "Canta English" ed è un modo divertente per inmparare l'inglese cantando (quindi divertendosi) fin da piccolissimi (dai 3 anni in su). In breve si comprano i DVD (1 per ogni uscita) con le lezioni di John Peter Sloan che insegna cantando e ripetendo. In più ti danno anche un gioco da tavolo per continuare a studiare la lingua divertendosi. i risultati sono certi.. li vedo ogni giorno con il mio pupo che sta diventando bravisssssimo! :)

    RispondiElimina
  3. Bene a sapersi! Terrò senz'altro
    a futura memoria le tue indicazioni.

    RispondiElimina
  4. Sono contenta che ti sia chiarita le idee!
    Comunque non tutte le maestre usano il metodo globale. Nella nostra scuola ad esempio la maestra di BUH usa un metodo ibrido (globale e sillabico), mentre la maestra di un'altra classe usa il metodo globale.
    Se devo essere sincera io preferisco il metodo sillabico, ma è un parere personale e di sicuro non sufficientemente informato.
    Buon week end

    RispondiElimina
  5. Salve, io sono una professoressa-maestra che dalla scuola superiore prima e da quella elementare è passata alla scuola d'Infanzia perché non se la sentiva di imporre a bambini e ragazzi la logica del risultato. Rovesciamo una buona volta la logica per cui il bambino DEVE stare attento, DEVE eseguire un compito, DEVE sapere almeno una lettera...Se le proposte sono stimolanti, i bambini, che sono naturalmente curiosi, si impegnano come gli adulti non si sognano nemmeno. Per non parlare della maestra che intravede già per quella povera bambina un cupo futuro scolastico! Quanto poi alle cose che il bambino DEVE sapere... per anni e anni la scuola dell'Infanzia non è esistita (e ve lo dice una ex professoressa che dalla scuola superiore a 18 ore settimanali ha scelto di andare a lavorarne 35, pur di insegnare nella Scuola d'Infanzia), e i nostri genitori e i nostri nonni certo alla fine della prima elementare non sapevano meno di quanto non sappiano i nostri figli. La scuola dell'infanzia ha il privilegio (o dovrebbe averlo) di educare, ovvero condurre fuori, tutto ciò che il bambino ha in sé, in nuce, dato che i bambini sono la rappresentazione dell'essere umano allo stato puro. Alla scuola dell'infanzia non si insegna, ovvero, non si imprime un segno (l'etimologia della parola "insegnare" contiene proprio questo atto di violenza), non si infila a forza qualcosa nella mente del bambino. L'educatore è un giardiniere che aiuta un fiore a sbocciare. Ma il seme contiene già tutto. Stai tranquilla per i tuoi bambini. Sostienili con allegria e senza ansia. Dentro di loro c'è già tutto quello che serve per affrontare non solo la scuola, ma anche la vita. Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Non so se sbaglio ma io delego alla scuola dell'infanzia l'insegnamento delle "nozioni" che i bambini devono avere per passare alle elementari, che tra l'altro sono dello stesso istituto comprensivo, ma io mi preoccupo della sua preparazione emotiva e psicologica, impegnandomi ad assecondare ed accompagnare le sue inclinazioni ed interessi. Ho ancora un pó di tempo per pensarci, per fortuna. Grazie per lo spunto di riflessione.

    RispondiElimina
  7. grazie a tutte, il blog è un ottimo strumento di aiuto e consultazione :)

    @ceciliatesta grazie per il tuo commento, il punto di vista di una maestra è importante e complimenti per la tua scelta di "qualità".... per quanto riguarda il fatto la mia maestra interpellata abbia visto un cupo futuro per l'allieva, forse mi sono spiegata male è una validissima insegnante che giustamente mi ha fatto notare che a volte caratterialmente esiste una chiusura che impedisce magari un primo approccio tranquillo con la nuova realtà di scuola elementare ma tutto poi si risolve basta seguire i propri figli e aiutarli...io spero di riuscirci...

    grazie a tutte per gli interventi!

    RispondiElimina
  8. tranquilla twins, i bambini non sono automi, e uno non è uguale a un altro, anche a me viene il panico, e alla fine la maestra decanta le lodi di sarah.

    RispondiElimina
  9. Ciao Twins; se passi dal nostro blog c'è un piccolo pensiero per te: http://cecieviola.blogspot.it/2012/11/ebbene-si-siamo-due-versatile-bloggers.html
    Un abbraccio
    Cecilia e Viola

    RispondiElimina
  10. Second non sembra per niente interessato ad apprendere ma lui l'anno prossimo la prima la deve cominciare per forza, all'inizio non volevo stressarmi prima del tempo e avevo deciso di lasciarlo stare ma poi ci ho ripensato quando sono andata a colloquio con le maestre della prima elementare di First ho sentito che si lamentavano quasi con tutte le mamme che i bambini non sono scolarizzati, non prestano attenzione, non stanno fermi etc.... Second ancora non tiene bene la penna in mano e posso assicurarti che le maestre delle elementari vanno veloci, quindi ho chiesto alle maestre dell'asilo che gli facciano fare un pò di pregrafismo e continuerò anche a casa per abituarlo a concentrarsi e ad avere per un certo tempo la penna in mano non necessariamente per imparare qualcosa in senso "classico"

    RispondiElimina

Posta un commento

Commentando nel sito autorizzi GOOGLE e terze parti a processare i loro servizi in relazione ai commenti sul blog - nella Cookie Policy in dettaglio

COMMENTI SUL BLOG

Commentando nel sito autorizzi GOOGLE e terze parti a processare i loro servizi in relazione ai commenti sul blog (leggi la Cookie Policy per i dettagli)