stralci di conversazione gemellare





- twin G e twins M trascorrono un pomeriggio insieme alla nonna

twin G: Uffa nonna...ma tu vai a lavorare, il nonno va a lavorare, mamma e papà vanno a lavorare.......e twin M va a scuola.... allora io domani vado a lavorare
twin M: no.. domani devi venire a scuola con me perchè sei piccola e domani ci fanno giocare con i colori
twin G: ah...allora vado a lavorare un altro giorno

Ieri ero a pranzo con mia madre...mi ha raccontato questa scenetta... sono rimasta a ridere per 5 minuti in un bar del centro affollato di impiegati e turisti.....


- Ieri eravamo in macchina e stavamo andando a scuola...

twin M: io faccio il figlio e tu sei la madre
twin G: vabene...figlio lo vuoi il latte?
twin M: si grazie...ho anche la bua mi metti il cerotto?
twin G: vabene però adesso devo andare a scuola. Ciao figlio


Sono andata a lavorare con il sorriso sulle labbra.

Commenti

  1. E' troppo bello fermarsi un attimo ad asoltarli!

    RispondiElimina
  2. ahahahaha:::sto ridendo come una matta...
    "ciao figlio" è fantastico

    RispondiElimina
  3. adesso che chiaccherano così tanto...cerco di "ascoltarli" spesso..perchè adesso hanno una spontaneità nelle cose che poi perderanno...carpe diem insomma.

    RispondiElimina
  4. bellissimo ascoltare i discorsi dei nostri bimbi..!!!a volte capita di rendermi conto di come abbiano rielaborato certe realtà e mi viene da sorridere..fantastica la loro spontaneità..e non è detto che venga poi persa per forza..

    RispondiElimina
  5. @sly
    ciao benvenuta...sono stupendi i loro discorsi e ti rendi conto di come l'infanzia sia un momento dolce e particolare nella vita di un bambino.

    RispondiElimina
  6. Ciao, grazie di essere passata sul mio blog. Anche una mia amica ha due gemelli (entrambi maschi però) e..non vedo l'ora che comincino a fare qualche discorso hehe.
    L'ultima scenetta mi ha ricordato un episodio/gioco capitato al mare quando eravamo molto piccoli io e i miei fratelli. In pratica mio fratello maggiore era tipo il padre o qualcosa del genere, mentre il più piccolo il figlio. Il piccolo si aggrappava al collo del maggiore fingendo di piangere e dicendogli: "Non te ne andare...non te ne andare! E almeno..prima di andare via..preparami la colazione!!!".
    Ero piccola anch'io, ma questa cosa mi ha fatto lo stesso sbellicare dalla risate e tuttora ripensandoci lo trovo spassosissimo!! XD

    RispondiElimina
  7. Dev'essere un'esperienza incredibile avere non uno ma due cuccioli di cui stupirti contemporaneamente

    RispondiElimina
  8. Leggo il tuo post e non vedo l'ora che le mie pupe crescano per ascoltare i loro pensieri!

    RispondiElimina
  9. sono momenti speciali e indimenticabili, questi giorni che li accompagno alla materna ho "guadagnato" 10 minuti in più da passare con loro e ogni mattina mi regalano qualche "scenetta da teatro"...ogni momento passato con loro è veramente "unico".

    @moonaflowers
    benvenuta.. divertentissima la storia che hai ricordato....

    RispondiElimina

Posta un commento

Commentando nel sito autorizzi GOOGLE e terze parti a processare i loro servizi in relazione ai commenti sul blog - nella Cookie Policy in dettaglio

COMMENTI SUL BLOG

Commentando nel sito autorizzi GOOGLE e terze parti a processare i loro servizi in relazione ai commenti sul blog (leggi la Cookie Policy per i dettagli)